Club Alpino Italiano

Sezione di Bassano del Grappa

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Tipologie di Dati raccolti

Fra i Dati Personali raccolti da questa Applicazione, in modo autonomo o tramite terze parti, ci sono: Cookie, Dati di utilizzo, Nome e Email.

Altri Dati Personali raccolti potrebbero essere indicati in altre sezioni di questa privacy policy o mediante testi informativi visualizzati contestualmente alla raccolta dei Dati stessi.
I Dati Personali possono essere inseriti volontariamente dall’Utente, oppure raccolti in modo automatico durante l'uso di questa Applicazione.
L’eventuale utilizzo di Cookie - o di altri strumenti di tracciamento - da parte di questa Applicazione o dei titolari dei servizi terzi utilizzati da questa Applicazione, ove non diversamente precisato, ha la finalità di identificare l’Utente e registrare le relative preferenze per finalità strettamente legate all'erogazione del servizio richiesto dall’Utente.
Il mancato conferimento da parte dell’Utente di alcuni Dati Personali potrebbe impedire a questa Applicazione di erogare i propri servizi.

L'Utente si assume la responsabilità dei Dati Personali di terzi pubblicati o condivisi mediante questa Applicazione e garantisce di avere il diritto di comunicarli o diffonderli, liberando il Titolare da qualsiasi responsabilità verso terzi.

logo gruppo naturalistico

Marchio CAI

 

CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Bassano del Grappa


Gruppo Naturalistico A. Dal Sasso

 


28 - 29 - 30 Aprile - 1 Maggio 2017
Monti Aurunci

Week end primaverile


 

È il parco più meridionale delle aree naturali protette dalla regione Lazio, istituito nel 1997. Situato a pochi chilometri dal mare, è vicino al parco della Riviera d'Ulisse. Si estende per 19.374 ettari di territorio, interessando dieci comuni, quattro in provincia di Frosinone e sei in provincia di Latina.
Vanta un territorio eterogeneo, compreso in una fascia altimetrica che va dalla pianura, a circa 30 metri sul livello del mare, fino alla quota di 1535 metri del monte Petrella, che si erge a poca distanza dalla costa.

essendo l'unica catena montuosa della regione ad affacciarsi direttamente sul mar Tirreno, per cui l’escursionista può godere di paesaggi sorprendenti, che confondono lo sguardo ed incantano, scorgere panorami mozzafiato sulle isole Ponziane, sul promontorio del Circeo, verso la valle del Liri, i monti del Matese e le cime dell'Appennino abruzzese.
La particolare posizione geografica svela un incessante duello con il mare, che sembra voler confinare i monti in prepotente discesa verso la costa, così da donare a questi luoghi una grande varietà di ambienti. Offrono infatti un bel miscuglio di paesaggio appenninico e mediterraneo: si va dalla macchia, alle sugherete, fino alle faggete: Il primato della biodiversità spetta ai boschi misti di querce ed aceri.
Ovunque, nelle radure come sulle rupi più esposte del monte    S. Angelo, un’inaspettata ricchezza di fiori (1300 le specie censite, una cinquantina le sole orchidee) richiama ormai da qualche anno l’interesse di ricercatori e botanici.
Apparentemente isolati dall’Appennino centrale, dal punto di vista floristico, sono ufficialmente riconosciuti come l’area più interessante del Lazio. Osservando il paesaggio dalle sue cime, distese di prati ricoprono i grandi pianori carsici, dove si incontrano piante particolarissime come la rara peonia maschio. Di grande effetto sono le fioriture primaverili della valeriana, che tingono di rosa le grigie pareti. Intensi sono i profumi provenienti dalle garighe a salvia ed elicriso.
Romantici negli scenari che si aprono verso il mare, i Monti Aurunci nascondono ambienti aspri e selvaggi, dove la fauna si rifugia in cerca di luoghi tranquilli; anche il lupo negli ultimi anni ha fatto silenziosamente ritorno. Inoltre costituisce in primavera l'ambiente ideale per una moltitudine d’ insetti, comprese due specie di farfalle, la bianconera italiana e la mnemosine.
Il paesaggio ha subito una lenta e graduale trasformazione dovuta alle attività antropiche, che hanno modellato il territorio. Anticamente queste terre erano abitate da comunità di pastori dedite ad attività agro-silvo-pastorali tipiche dell’ambiente montano; a loro risalgono i terrazzamenti ed i muri a secco, detti macere, realizzati per la coltivazione degli ulivi. La millenaria presenza umana è testimoniata anche dagli antichi monasteri e dai piccoli rifugi, dai resti di dimenticate città e dall’eco di passate leggende che segnano il territorio del Parco Naturale dei Monti Aurunci.

Comprensorio: Lazio Meridionale
Responsabile gita: Antonietta Mazzarolo - Claudio Bizzotto
Abbigliamento: Da media montagna
Trasporto: Pullman

 

Altitudine Salita Discesa Difficoltà Tempo
1300 da definire da definire E da definire


 

1° giorno:   Trasferimento da Bassano
2° giorno:   Prima escursione da definire
3° giorno:   Seconda escursione da definire
4° giorno:   Breve escursione in mattinata e rientro a Bassano

P.S. La gita è valida per il concorso fotografico: Un click con il Gruppo Naturalistico
Visitate il nostro sito: www.grupponaturalisticodalsasso.it      

 

Novembre

23

Giovedì